Quotazioni REALI senza SORPRESE !!

Aperti dal Lun. al Ven. ORARIO CONTINUATO orario 09:00 - 19:00

Venerdì 30 Settembre CHIUSURA Ore 17:25

Martedì 4 Ott. CHIUSURA Ore 15:00 - Mercoledì 5 Ott. CHIUSO

Chiamaci per ottenere il prezzo più ALTO per il tuo ORO! al 06/4466777 o al 06/4466888

Come si valutano i diamanti Blog

Postato il 09-12-2021 in

I diamanti sono sicuramente fra le pietre preziose più apprezzate al mondo e spesso vengono utilizzati in abbinamento ai gioielli per regalare qualcosa in occasioni importanti alle persone a cui si tiene particolarmente. È importante, quindi, conoscerne il valore, oltre che soffermarsi sul design e sul colore. Ci sono, infatti, delle caratteristiche che non emergono a prima vista, ma che bisogna saper valutare con competenza. In ogni caso il diamante è sempre portatore di un messaggio positivo, perché rappresenta la purezza, la passione e da molti viene considerato anche come una sorta di bene rifugio, su cui operare anche un vero e proprio investimento di carattere economico. Ma quali sono le caratteristiche che dobbiamo conoscere per valutare opportunamente una pietra preziosa di questo genere? Andiamo più nei dettagli.

Il taglio del diamante

La vendita di diamanti ha sempre ottenuto un certo successo, perché, come abbiamo già specificato prima, queste pietre preziose risultano davvero apprezzate dai veri intenditori. Per riuscire a stabilire esattamente quale sia il valore di questa pietra preziosa, bisogna considerare innanzitutto una caratteristica importante come il taglio del diamante.

Infatti questo elemento influisce sulla brillantezza della pietra. Quando un diamante viene tagliato correttamente, con le equilibrate proporzioni, sprigiona tanta luce, mettendo in evidenza tutta la sua bellezza.

Sono molto importanti anche le finiture del taglio, in modo da rispettare le proporzioni tra le varie parti della pietra. Sono disponibili tanti tipi di tagli, ma quello più diffuso ed interessante è il cosiddetto taglio a brillante.

La purezza della pietra preziosa

Tutti i diamanti, così come tutte le pietre preziose, contengono delle piccolissime parti interne di varia natura. Non sono sostanze da sottovalutare, perché possono influenzare, con la loro dimensione e con la loro quantità, il passaggio della luce, quindi incidono anch’esse sulla bellezza della pietra.

C’è una precisa scala determinata a 10x, che considera proprio le varie imperfezioni e la purezza che influenzano direttamente le quotazioni commerciali delle pietre preziose.

Il colore da considerare

Per un diamante sicuramente uno dei fattori principali che ne determinano il valore, correlato alla bellezza della pietra, è l’assenza di colore. È molto difficile trovare un diamante completamente senza colore, perciò, essendo questa una pietra particolarmente rara, è quella che assume anche toni più preziosi.

Al contrario diamanti che hanno una tonalità di colore precisa, come per esempio il blu, il verde, il giallo, il rosso, sono anch’essi molto rari e quindi molto preziosi, a patto che i colori naturalmente non vengano ottenuti con delle operazioni artificiali.

Il peso dei diamanti

Altra caratteristica fondamentale è costituita dal peso dei diamanti, che è espresso in carati. Questo termine deriva dai semi di carrubo, che in antichità venivano utilizzati come unità di misura per le pietre preziose, visto che avevano un peso costante.

Poi il sistema dei carati è stato fissato convenzionalmente e ogni carato corrisponde a 0,2 grammi. Più pesa la pietra, maggiore sarà il suo valore, poichè i diamanti di grandi dimensioni sono i più rari.

La caratteristica della fluorescenza

Un altro fattore importante per determinare il valore di un diamante è rappresentato dalla fluorescenza. Infatti si calcola che circa il 35% dei diamanti possieda questa caratteristica, che può essere molto leggera, ma può variare fino ad essere anche piuttosto forte.

Sarebbero più preziose le pietre senza fluorescenza, perché, se essa è molto accentuata, non mette in risalto la brillantezza e la trasparenza della gemma.

Perché un diamante sia considerato estremamente prezioso, sarebbe opportuno che la pietra preziosa sia dotata anche di un certificato o di un rapporto gemmologico. Quest’ultimo soprattutto descrive la pietra nei suoi dettagli tecnici in modo oggettivo e quindi non soggetti ad interpretazioni di varia natura.